Mi sembra inportante inserire questa notizia in modo evidente sul sito.
Sentiamoci per la preparazione e l'attivazione del protocollo.
A presto
Giampiero Maccioni
Subject: Tatuaggi e piercing: attenzione!

Gent.mi,
tatuaggi e piercing possono trasmettere infezioni virali - come quelle che portano all'epatite B, C e all'Aids - e batteriche che, come è stato registrato dai recenti fatti di cronaca, possono anche causare gravissime e irreparabili conseguenze.
E' importante che tutte le nostre Associazioni siano a conoscenza di questi rischi e di quanto disposto dal Ministero della Salute. Che ogni Associazione sia in prima fila nella lotta alle malattie del fegato e a favore della prevenzione.
Ecco il testo del Comunicato del Ministero:
 

Piercing: Ministero dà incarico a Ufficio legislativo per valutazione normativa ad hoc

 

Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali in relazione all’ultimo tragico episodio accaduto ad una giovane donna di Merano in seguito all’applicazione di un piercing al sopracciglio, comunica di aver invitato le Regioni ad assumere provvedimenti coerenti con la circolare ministeriale del 5 febbriao 1998 in materia di tatuaggi e piercing. L’Atto, diretto alle Regioni e all’Associazione dei tatuatori, prevede l’attivazione di corsi di formazione obbligatori per coloro che praticano tali attività nonché l’adozione di tutte le misure di igiene e profilassi necessarie. Inoltre, la Circolare ministeriale dispone la necessità di una specifica autorizzazione della competente Asl per coloro che effettuano tali procedure che, comunque, non possono essere eseguite sui minori, eccezion fatta per il piercing sul lobo dell’orecchio che può essere eseguito con il consenso dei genitori.

La Circolare sconsiglia la pratica del piercing su parti anatomiche la cui funzionalità potrebbe risultare compromessa come ad esempio palpebre, labbra, lingua, seno, apparato genitale ecc.

 Il Ministero rende noto di aver affidato al proprio Ufficio legislativo l’incarico di valutare l’opportunità di promuovere una legislazione nazionale che fissi principi e criteri per l’esercizio di questo tipo di attività.