Associazione Sarda Trapianti "Vita Nuova"
O.n.l.u.s.

"Alessandro Ricchi"

è federata Liver-Pool e si trova ad Iglesias in via Buoncammino, 4

tel /fax 0781.30067 .

ass.sardatrapianti@tiscali.it

 

news

E-mail:ass.sardatrapianti@tiscali.it

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

INIZIATIVE 2006

Consiglio Nazionale

19-20 Ottobre 2006

HOTEL

Chianciano Terme

 

COMUNICATO STAMPA

 

DIFFENDI LA PATRIA

DAI VALORE ALLA VITA

Questo il grido accorato lanciato da Giampiero Maccioni, Ufficiale in congedo proveniente dal servizio di complemento della gloriosa Divisione Folgore, al Consiglio Nazionale dell’ U.N.U.C.I .!

Una significativa testimonianza della sua esperienza di trapiantato di cuore da 10 anni e del suo impegno di Presidente dell’Associazione Sarda Trapianti, nonchè Consigliere Nazionale della Federazione LIVER POOL (FEDERAZIONE NAZIONALE   ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO MALATTIE EPATICHE E TRAPIANTO).

Le finalità di questa associazione Maccioni le ha racchiuse in una significativa sintesi che esprime l’umanesimo, la partecipazione e la solidarietà del sodalizio:

“Siamo una famiglia di trapiantati di familiari ed operatori sanitari a sostegno di chi attende, vive ed opera nella società dopo un evento doloroso e gioioso, capace di cambiare la propria esistenza”.

Nel presentare la situazione italiana sulla donazione degli organi, così come appare dai dati del Centro Nazionale Trapianti, l’Italia si colloca al secondo posto in Europa per donazioni, dopo la Spagna e prima della Francia. A livello internazionale, addirittura   supera gli Stati Uniti d’America:

quasi 23 donazioni per milione di abitanti e un incremento del 10% del numero di trapianti d’organo nei primi mesi del 2006, rispetto allo scorso anno.

  Però i pazienti in lista di attesa sono 8.967 (al 30 aprile 2006) con una previsione, per il 2006, di 3.500 trapianti.

Occorre fare ancora molto per raggiungere il traguardo della diminuzione progressiva della lista d’attesa.

“Una larga alleanza tra istituzioni, Università e associazioni di pazienti per il miglioramento ulteriore del già altissimo livello raggiunto dal sistema trapianti italiano”. È l'idea lanciata dal Ministro della Salute Livia Turco, intervenuta alla manifestazione per la celebrazione dei 40 anni dell'attività dei trapianti in Italia.

L’UNUCI non si sottrae a questo appello! 

In preda ad una intensa commozione Maccioni offre la sua esperienza di “combattente per la vita” e formula una proposta concreta di sensibilizzazione e di informazione dei soci e amici dell’UNUCI : rispondendo così, anche in questo settore, al perenne  giuramento, pronunciato come ufficiale dell’esercito, di fedeltà alla Repubblica Italiana e rinnovato senso del dovere verso la Patria e la qualità della vita dei cittadini.

A conclusione dei lavori del Consiglio Nazionale dell’UNUCI, svoltosi all’Hotel Savoia di Cianciano Terme nei giorni 19 e 20 ottobre 2006 e presieduto dal Generale Squadra Aerea Giovanni Tricomi, presenti i delegati regionali e numerosi presidenti di sezione è stato approvato all’unanimità il seguente ordine del giorno:

 

I sottoscritti delegati regionali e presidenti delle sezioni UNUCI riuniti a Chianciano Terme Presso l’Hotel Savoia il 19 e 20 Ottobre 2006 :

 

·         sentita la relazione e le proposte esposte in riferimento alla donazione e trapianto di organi dal S.Ten. Giampiero Maccioni, Presidente della sezione di Iglesias (CA), trapiantato di cuore e consigliere nazionale della Federazione Nazionale LIVER POOL; 

·         rilevata l’importanza civica e morale che tale attività riveste nella difesa della salute e nel miglioramento della qualità della vita nella nostra nazione;

·         mandato alla presidenza nazionale di predisporre un gruppo di lavoro che elabori una proposta operativa per la realizzazione di una campagna di sensibilizzazione e di promozione tra gli iscritti in collaborazione con le campagne nazionali organizzate dalle associazioni di volontariato del settore ed il competente Ministero della Salute, proponendo altresì, anche attraverso il coinvolgimento del Ministero della difesa, analoghe attività nel più ampio settore delle forze armate italiane.

 

Il documento è già stato inviato al Ministro della Difesa On. Prof. Arturo Parisi per il coinvolgimento del Ministero nella campagna nazionale di sensibilizzazione delle Forze Armate.

E’ stata proposta anche una bozza di manifesto che verrà perfezionato dopo le autorizzazioni del Presidente della Repubblica e dei Ministeri interessati.

 

 

Il Presidente della Sezione di Iglesias

( S.Ten.Giampiero Maccioni)

 

Mercoledì 11 Ottobre 2006

Giampier o Maccion i Letter a agl i onorevol i

“VITA NUOVA” CON IL TRAPIANTO DI CUORE.

"Quest o paes e no n s i salverà...s e no n spunter à u n nuov o sens o de l dovere ! H o nell a ment e l e parol e d i fuoc o d i u n martir e dell a nostr a Repubblic a ch e h a testimoniat o l a su a fed e nell ' uomo , nell a democrazi a e soprattutt o nell a giustizia . M a “i l futur o è aperto , l a sfid a è sempr e aperta , st a a no i ch e crediam o nell a democrazi a diffender e l o Stat o democratic o . . .

Le notizie del giorno

“VITA NUOVA” CON IL TRAPIANTO DI CUORE.

 

"Questo paese non si salverà...se non spunterà un nuovo senso del dovere!

Ho nella mente le parole di fuoco di un martire della nostra Repubblica che ha testimoniato la su a
fede nell' uomo, nella democrazia e soprattutto nella giustizia .
Ma “il futuro è aperto, la sfida è sempre aperta, sta a noi che crediamo nella democrazia diffender e
lo Stato democratico" o come diceva Moro "lo Stato del valore umano" .
In questo momento sono nella condizione di esigere da cittadino la GIUSTIZIA VERSO I
SOPPRUSI DEL PASSATO e chiedere il rispetto dei programmi, talvolta resi solo sterili proclami .
Sono testimone di una grande esperienza di vita nel sociale e nella politica prima, durante e dopo i l
doloroso evento del trapianto e la rinascita a vita nuova .

Quindi "per amore del mio popolo non tacerò! "
Anche se
questo potrà sembrare un atteggiamento scomposto e interessato della mia anima
,
profondamente turbata dagli eventi anche ultimi, e che riguardano anche la mia famiglia di sangu e

o i miei amici, ma attengono alla sofferenza che vedo scorrere nelle grida dei malati che chiedono solo di essere ascoltati, capiti e sostenuti non solo con il vile valore del danaro: anche se il danaro diventa strumento indispensabile per la sopravvivenza in una condizione di uomini e di cittadini La nostra Repubblica è nata dalla resistenza e dalla lotta popolare per l' affermazione dei valori irrinunciabili della libertà..quella soprattutto dal bisogno!!

Ho cominciato con il NUOVO senso del dovere di Aldo Moro e proseguo con l' insegnamento dell’amico Leoluca Orlando(ex Sindaco di Palermo) che ci indicava la necessità della strabicità dei Sindaci ma che è trasferibile a chi si occupa di politica con altre cariche e responsabilità. Tutto questo per dire che, pur nella lodevole auspicabile produzione di strumenti legislativi di ampio respiro, occorra pensare anche alla periferia ed al prossimo più vicino che attende una risposta concreta , "come zia peppina", come la trapiantata di cuore Carmela di Armungia (che ha scritto il grido d'aiuto nel quotidiano l'Unione Sarda) e tanti.. tantissimi altri sconosciuti senza voce. Tutti attendono risposte…dovute! ……senza l'umiliazione del "capello in mano o della ciottola" almeno per la sopravvivenza... per essere umilmente e dignitosamente UOMINI , come gli altri privilegiati dalla condizione sociale più favorevole.

Questo ed altro.....per dirti che il tempo passa inesorabilmente scavando solchi e ferite che rendono sempre più difficile nel cittadino la credibilità nel valore delle istituzioni e l’affermazione dei principi della democrazia e della partecipazione, allontanando inesorabilmente le grandi risorse della partecipazione e della solidarietà, sostituendole al diabolico disvalore dell'egoismo, del qualunquismo e della lotta fratricida per l'esistenza . Non voglio infierire su nessuno ma debbo denunciare per molti che “le cose di ieri… non sono passate… e… non se ne vedono di nuove”.

Potrei continuare elencando fatti e avvenimenti passati e presenti nella vita politica della nostra regione, che a te dovrebbero essere arcinote, invitandoti invece, se sei credente, a riflettere sulle parole di San Paolo "TEMO IL SIGNORE CHE PASSA"! E ti assicuro che il Signore passa! In spirito di fraternità offro queste riflessioni derivate da situazioni laceranti che rischiano di precipitare trascinando sempre e purtroppo i più deboli e bisognosi di aiuto e di assistenza. Giampiero Maccioni Presidente Associazione Sarda Trapianti

 

 

 

 

in risposta all’assessore Dirindin

Colgo la sfida per la sanità sarda

dalla parte di Abele

 

“sfruttare la straordinaria occasione di pensare ad un nuovo sistema di welfare, quale concreta espressione della cultura regionale del pren dersi cura, dell’impegno solidale, dell’attenzione al ben- essere delle persone e dell’intera comunità”.

Parto dalla  “seconda sfida” contenuta nelle considerazioni sul diritto alla salute che la Prof.ssa Nerina Dirindin, Assessore Regionale alla sanità, ha espresso nella nota pubblicata sul Il Giornale di Sardegna il 10 ottobre che obbliga il volontariato ed il terzo settore più in generale alla elaborazione  di proposte e progetti concreti per il raggiungimento della cultura del :

·          prendersi cura

·          della partecipazione e della solidarietà

·          prestare attenzione al ben- essere delle persone e dell’intera comunità

 

Nel condividere in linea di massima sia le indicazioni esposte nella nota, sia le linee fondamentali di politica sanitaria sin qui   perseguite dall’attuale giunta regionale, non posso non stigmatizzare la necessità di realizzazioni concrete per quanto riguarda il settore delle politiche più vicine ai pazienti che vivono la triste e meravigliosa avventura di rinascita della vita con un trapianto.

Le proposte e le indicazioni concrete per tali soluzioni sono state da sempre sottoposte ad una “martellante” pressione democratica nei confronti dell’Assessore ma la maggior parte rimangono ad oggi inspiegabilmente inevase.

Nella “Lettera agli amici “onorevoli” (inviata all’assessore, alla stampa ed ai gruppi consiliari regionali) ribadivo che pur nella lodevole auspicabile produzione di strumenti legislativi di ampio respiro, occorresse pensare anche alla periferia ed al prossimo più vicino che attende una risposta concreta , "come zia peppina", come la trapiantata di cuore Carmela di Armungia (che ha scritto il grido d'aiuto nel quotidiano l'Unione Sarda) e tanti.. tantissimi altri sconosciuti senza voce.

Tutti attendono risposte…dovute! ……senza l'umiliazione del "capello in mano o della ciottola"  

almeno per la sopravvivenza... per essere umilmente e dignitosamente UOMINI , come gli altri privilegiati dalla condizione sociale più favorevole.

Per non restare nel vago, rispondo a nome dei pazienti e dei volontari, alla sfida ricordando le principali richieste:

Questo ed altro.....per dire che il tempo passa inesorabilmente scavando solchi e ferite che rendono sempre più difficile nel cittadino la credibilità nel valore delle istituzioni e l’affermazione dei principi della democrazia e della partecipazione, allontanando inesorabilmente le grandi risorse della partecipazione e della solidarietà, sostituendole al diabolico disvalore   dell'egoismo, del quallunquismo e della lotta fratricida per l'esistenza .

 

Giampiero Maccioni

Presidente Associazione Sarda Trapianti

 

 

 

 


Comune di Elmas

Caro amico,

Abbiamo il piacere di invitarti alla presentazione delle iniziative e dei programmi sulla donazione e trapianto di organi e tessuti dell’Associazione Sarda Trapianti. La presentazione avverrà per iniziativa dell’Amministrazione Comunale di Elmas e dei responsabili dell’Associazione, dei pazienti trapiantati, dei pazienti in lista d’attesa e dei volontari che operano a favore dei malati nel corso della:

CONFERENZA STAMPA

Giovedì 28 Settembre ore 18.00

Aula Consiliare Comune di Elmas

Nel corso della Conferenza stampa, introdotta dal Sindaco Walter Piscedda, saranno esposte anche alcune iniziative legislative da presentare alla Commissione Sanità del Consiglio Regionale prima della discussione ed approvazione del nuovo Piano Sanitario.

Associazione “Vita Nuova-onlus” ASSOCIAZIONE SARDA TRAPIANTI – Via Lanusei,41-09016-IGLESIAS -C.F. 9001456092 5
Tel. Fax 0781.30067 oppure +391782215074 – E-mail:
ass.sardatrapianti@tiscali.it www.associazionesardatrapianti.org
Banco di Sardegna -IGLESIAS C.C. 20373 – ABI: 1015 – CAB: 4391
0
CCP n.46222519 – ABI: 07601 – CAB: 04800

 

 

 

 

UNA TENDA PER LA VITA…
DEL…..TUO FEGATO!!!!!!!!!!

Si è svolta con successo l’iniziativa promossa dalla nuova Associazione Sassarese Love for Live Love for Live “AMORE PER LA VITA…AMORE PER IL FEGATO”.

Per due giornate migliaia di cittadini hanno affollato la piazza d’Italia a Sassari intorno alla “tenda da campo” allestita per accogliere i sassaresi della città e della provincia, accorsi per effettuare lo screening gratuito sullo stato di salute del loro fegato. Oltre settecento persone sono entrate nella tenda dove sono state accolte dai volontari, dalle crocerossine e dai medici specialisti del fegato: anche loro volontari “in tenda” fuori dalle corsie e dagli ambulatori, in trincea, con noi pazienti UNITI per combattere la battaglia per la vita minacciata dalle malattie silenti del fegato. Fuori, all’esterno del “ambulatorio di piazza” altri volontari, venuti da Iglesias, veterani dal 1998 nella battaglia per la rinascita della vita con un trapianto di organo, compreso il fegato. Al primo entrar… nella piazza, siamo stati accolti dalla vulcanica artista del bel canto di Sardegna, ICA CHERCHI, presidente dell’Associazione Sassarese, gemella dell’ Associazione Sarda Trapianti ed appartenente alla grande famiglia italiana della Federazione LIVER POOL ( FEDERAZIONE NAZIONALE

ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATOMALATTIE EPATICHE E TRAPIANTO). Il battesimo di fuoco con la folla è stato immediato consegnando ai cittadini la documentazione cartacea con volantini e depliant ma soprattutto per offrire accoglienza, ascolto e consulenza esperenziale alle numerose storie del vissuto, di pazienti e non, spesso costellato di pene, sofferenze e tanta, tanta solitudine. Due giornate che sono l’inizio di una offerta di prevenzione, ascolto e consulenza anche talvolta terapeutica degli specialisti componenti il comitato scientifico delle associazioni. L’iniziativa verrà realizzata in altre città della Sardegna ed in particolare nella nostra zona del Sulcis Iglesiente. Un modo nuovo di uscire dallo stretto ambito degli “alberghi della salute” per essere in piazza, volontari senza frontiere per dare una mano di aiuto e di conforto offrendo così il grande ed inestimabile valore della partecipazione e della solidarietà che contribuisca a far rinascere LA SPERANZA per una vita a misura di uomo pur nella sofferenza che la vita ci riserva.
Giampiero Maccioni Presidente Associazione Sarda Trapianti Consigliere Nazionale Federazione LIVER POOL

Sassari 17 Settembre 2006

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

SENTENZA ESECUTIVA CHE RENDE GIUSTIZIA

ALLE RIVENDICAZIONI DEI PAZIENTI

Seguirà conferenza stampa per informare i pazienti che non hanno ricevuto i rimborsi dovuti per
affrontare i viaggi della speranza per rinascere a VITA NUOVA con un trapianto

 

 

 

 

 

INIZIATIVE ANNO 2006

Associazione Sarda Trapianti

Comune di Teulada

Gruppo AVIS Teulada

 

 

Domenica 6 Agosto 2006

 

GIORNATA DI SOLIDARIETA’

SULLA DONAZIONE

di ORGANI e SANGUE

 

Mattino ore 9.30 – 13.00

SPORT PER LA VITA

Gara podistica amatoriale riservata a…..

bambini, giovani, adulti, anziani….

Iscrizioni e raduno ore 8.00 - 8.30

Piazza del Comune

 

Sera ore 20.30

Piazza del Comune

BALLANDO E CANTANDO

PER    LA  VITA

Condotto da Manuela Cara e Luca Gentile

  Animato dai giovani del Centro giovanile S.Barbara di Iglesias 

Programma:

·           Saluto delle autorità

·           Il ruolo del volontariato: Sig. Giampiero Maccioni - Presidente Associazione Sarda Trapianti

·           La donazione degli organi: Dott. Piero Carta - Anestesista e medico legale Iglesias

·           La donazione del Sangue: Sig. Antonello Carta –Presidente Provinciale A.V.I.S. - CA

·           L’anemia mediterranea: Prof.ssa Eliana Lai –Ematologia Adulti - Ospedale Microcitemico Cagliari

·           Il bambino e la malattia neoplastica: Dott. Giulio MurgiaOncoematologia pediatrica Osp . Microcitemico CA

·           Testimonianze trapiantati

 

 

L’autoemoteca dell’AVIS ha raccolto 37 donazioni di sangue dalle ore 18.00 nella piazza del Comune

Durante tutta la giornata medici e volontari hanno informato e sensibilizzato i cittadini per raccogliere le adesioni alla donazione degli organi. Sono stati distribuiti opuscoli e materiale informativo della campagna nazionale sulla donazione e trapianto

 

SEDILO 25 giugno:

Ichnos

"I sardi si incontrano

  per lasciare un'impronta..."

 

ORDINE DEL GIORNO

sul miglioramento della qualità della vita dei pazienti trapiantati e di chi attende e spera nella rinascita con un trapianto

 

Le associazioni e gli operatori del mondo del volontariato riuniti a Sedilo il 25 Giugno del 2006:

 

è   preso atto delle richieste dei pazienti e delle proposte fin qui avanzate, sin dal 1998, dalle associazioni di volontariato della Sardegna nei confronti delle istituzioni competenti(vedi in particolare l’ultimo promemoria di sollecito esaminato e discusso con il Direttore Generale e l’Assessore alla Sanità nel Novembre 2005) ;

 

è   preso atto del colpevole ed irresponsabile silenzio che regna ormai dalla passata legislatura e permane anche con questa nuova amministrazione regionale (tranne qualche sporadico intervento di scarsa rilevanza) in particolare su alcune fondamentali violazioni dei diritti dei volontari e dei pazienti, tra i quali:

 

·         La proposta di legge predisposta ed inviata dal Novembre 2005 al Consiglio ed alla giunta regionale riguardante"Rivisitazione e adeguamento della normativa di assistenza e rimborso spese per tutti I pazienti in lista d’attesa, durante e dopo il trapianto (rene,cuore,fegato ecc.).

 

·         La richiesta di esenzione totale per tutti I farmaci salvavita(ivi compresi quelli prescritti a causa degli effetti collaterali procurati dai farmaci antirigetto) indicati dai protocolli terapeutici dei centri di trapianto.

 

 

·         La istituzione del SERVIZIO PSICO PEDAGOGICO A SOSTEGNO DEI  TRAPIANTI D’ORGANO anche sulla scorta del progetto già predisposto sin dal 1998 e ripresentato con aggiornamenti vari.

 

·         Le porte sempre chiuse al Centro Trapianti del Brotzu ai volontari delle associazioni ( sottolineando che non si tratta della sola associazione Sarda Trapianti) impedendo, senza motivazione, l’opportunità di prestare la loro preziosa opera di collaborazione, all'interno del nosocomio, a sostegno dei pazienti in stretta collaborazione degli operatori sanitari nonostante le proposte organiche di operare, come già avviene in molti centri italiani:  Milano, Torino, Bologna, Pisa, Udine, Palermo ecc.(come risulta dalla copiosa documentazione fornita).La sola eccezione riguarda l'associazione AVO che ha un suo ufficio con recapito e presenza dei volontari all'interno dei reparti.

 

è   Richiedono un immediato intervento della Giunta e del Consiglio Regionale per affrontare e risolvere le problematiche indicate trovando da subito le sedi operative opportune per l’elaborazione congiunta e concreta delle soluzioni auspicate. Le associazioni stigmatizzano altresì che la maggior parte delle richieste non comportano, esborsi di carattere finanziario ma solo la possibilità di trovare i tavoli operativi almeno per l'esame, questo si, delle proposte progettuali e le eventuali priorità di soluzione.

  Giampiero Maccioni                                       Salvatorica Cherchi

 

 

 

CAGLIARI:

Domenica 21 Maggio ore 9-14

“Arte per la vita”

A cura del “Caffè dell’arte”

con pittori e scultori in Piazza del Carmine

 

 

Il trapianto d’organo è un metodo terapeutico alquanto particolare e diverso da quelli tradizionali: per essere praticato ha bisogno di un malato che riceve l'organo e dì un'altra persona che lo doni. Non può essere realizzato se non sono disponibili gli organi, cioè I donatori.

 

Da questa condizione è scaturita l'idea di dare vita al progetto Arte per la Vita, con l'obiettivo dì promuovere mostre itineranti nelle principali città italiane in modo da divulgare, ovunque possibile, la cultura della donazione degli organi, come atto di solidarietà umana e sociale,

 

Ci siamo rivolti agli Artisti del caffè dell’arte della Città di Cagliari  poiché essi, sempre attenti per la loro acuta sensibilità ai grandi problemi dell'Umanità, sono in grado di cogliere I moti veri e profondi dell'animo (dalla sofferenza alla gioia. dal buio morale alla speranza. alla luce, ai colori della vita che continua ... ) e trasmetterli in maniera indelebile nelle loro opere.

 

Cagliari 14 Maggio 2006 Bastione S.Remy

"GIORNATA CONCLUSIVA REGIONALE DONAZIONE E TRAPIANTI"

 

Iglesias sabato 13 maggio 2006

 

 

Abbiamo contemplato o Dio le meraviglie del tuo Amore!

 

Laudato sie, mi' Signore cum tucte le Tue creature” ,

ti rendiamo grazie per la vita che ci dai,……..

 

Siamo andati numerosi nella casa del poverello di Assisi, presso il convento dei frati minori di Iglesias che come sempre ci hanno accolto nella gioia, nella serenità e nella preghiera, ed abbiamo reso grazie a coloro che hanno permesso, con il dono dei propri organi, la rinascita a vita nuova con un trapianto.

Durante la celebrazione eucaristica presieduta dal Guardiano Padre Claudio sono risuonate nel mio cuore nuovo le parole di Isaia Profeta “ vi darò un cuore nuovo, metterò dentro di voi uno spirito nuovo……e  con San Damiano ho pregato :

 

Ogni uomo semplice porta in cuore un sogno, con amore ed umiltà potrà costruirlo.

Se con fede tu saprai vivere umilmente, più felice tu sarai anche senza niente.

Se vorrai ogni giorno con il tuo sudore una pietra dopo l'altra, alto arriverai.

Nella vita semplice troverai la strada che la pace donerà al tuo cuore puro.

E le gioie semplici sono le più belle sono quelle che alla fine sono le più grandi.

Dai e dai, ogni giorno con il tuo sudore, una pietra dopo l'atra, alto arriverai.

 

Il canto e l’animazione liturgica hanno reso visibile e palpitante la comunione fraterna dell’assemblea dei fedeli : dai rappresentanti del Comune di Iglesias ai giovani del coro(scout e gruppo cantori), dai giovani carabinieri della Caserma Trieste ai trapiantati ed ai parenti dei donatori , da tutti i fedeli laici della comunità francescana e dai numerosi cittadini che hanno gremito la Chiesa Monumentale.

L’omelia di Padre Claudio ha sollecitato la riflessione sui temi della celebrazione della IX Giornata Nazionale sulla Donazione e Trapianto di Organi accompagnandole alle citazioni del Compianto Giovanni Paolo II  completandole con la mirabile ricorrenza delle apparizioni della Madonna di Fatima.

Qualche fedele ha esclamato con gioia “ che bella festa”.

Ed è stata veramente la festa eucaristica della comunione fraterna dei credenti sulla terra e della comunione dei santi in paradiso.

La festa è proseguita poi, con numerosi partecipanti, in piazza municipio fino alle 24, condotta dal giornalista Luca Gentile e animata dai giovani del Circolo Giovanile Santa Barbara.

A rappresentare l’amministrazione comunale la Dott. Brigida Aru, Assessore ai Servizi Sociali.

 

 

 

 

 

Ballando e cantando

per la vita

 

 

 

Comunicato stampa

 

«La donazione di organi è segno di solidarietà»

<<I trapianti danno speranza a tanti malati e sono segno di una società solidale, per questo ringrazìo tutti  coloro che, negli ospedali e nelle associazioni di volontariato, lavorano per far crescere nell’isola la cultura della donazione degli organi.>> Lo ha detto l’assessore alla Sanità, Nerina Dirindìn, al termine delle iniziative per le Giornate Nazionali della donazione e trapianti d’organi, nel Maggio dello scorso anno 2005.>>

Nel 2005 la Sardegna subisce un leggero calo delle donazioni(preliminari al 31 Dicembre:20,2), discostandosi dal primato raggiunto nel 2004, pari a 22,7 donatori per milione di abitanti che aveva superato la media nazionale, di circa 21donatori.

A ciò si era registrato un l’aumento delle opposizioni  (sui possibili prelievi di organi, con un incremento pari 15,71% (33,8%nel 2005 contro I 20,4% nel 2004)

 

Regione

SARDEGNA

Donatori segnalati

Donatori effettivi

Donatori utilizzati

Donatori multiorgano

Opposizioni

Num .

Num .

Num .

Num .

%

Num .

%

2005

57

33

30

26

86.67

20

35.09

2004

50

37

36

33

91.67

10

20.00

2006

19

15

14

11

78.57

2

10.53

Fonte CNT (Centro Nazionale Trapianti)

Le cifre di queste pagine si riferiscono alle informazioni che I centri di coordinamento e le AUSL hanno inserito, ad oggi, nel sistema informativo trapianti. Si avverte, pertanto, che eventuali ritardi nell'aggiornamento dei dati possono far risultare le cifre di cui sopra in difetto rispetto all'attività effettivamente svolta.

 

I risultati raggiunti però in questo primo quadrimestre segnano una decisa ripresa dell’attività di donazione e trapianto:

Ripartendo dall’esperienza positiva delle trasmissioni televisive della fine del 2004. Che ha visto la mobilitazione di insegnanti, studenti ed associazioni di volontariato e vista la situazione di calo delle donazioni siamo a proporre nuove forme di informazione e partecipazione per motivarci e permetterci di essere ancor più presenti laddove si creano le premesse per il radicamento della cultura della donazione e del trapianto, accompagnata e sorretta dalla riscoperta del valore rappresentato dalla corretta e produttiva relazione”medico-paziente”, che inizia e si consolida presso le principali agenzie educative, rappresentate in particolare dalla scuola.

Dal 6 al 16 Maggio si svolgeranno le consuete attività dedicate alla donazione e trapianto degli organi e di cui si allega il programma da noi predisposto.

In collaborazione con le più importanti Associazioni di pazienti e di cittadini interessate al problema, il Ministero della Salute ha richiamato spesso l’attenzione dell’opinione pubblica al problema delle donazioni e dei trapianti di organo.

Il nostro Paese ha raggiunto in questo settore risultati di eccellenza: dal 2004 risulta infatti al 2° posto, dopo la Spagna, nella classifica dell’Unione Europea.

Tuttavia I pazienti in attesa di trapianto sono più numerosi degli organi donati: si tratta di persone per le quali la sopravvivenza o il recupero di una buona qualità di vita dipendono dalla possibilità di ricevere un rene, un cuore, un fegato, polmoni …. Nuovi. L’incremento del numero annuale delle donazioni di organi rappresenta di conseguenza un problema di salute di primaria importanza.

 

Numerose osservazioni, d’altra parte, confermano come il trapianto di organi – benché costituisca un metodo terapeutico ormai collaudato in tutto il mondo e di provata efficacia –  sia insufficientemente conosciuto e poco apprezzato.

In che cosa consiste questa procedura ? Quali sono le indicazioni all’intervento e quanti I pazienti in lista di attesa ?  Che tipo di vita possono condurre I trapiantati ? Quali sono I motivi che possono spingere a rifiutare il dono degli organi a favore di un trapianto ? A quali condizioni avviene il prelievo degli organi ? Ecco alcune delle questioni che esigono una risposta chiara perché il numero delle donazioni di organo, e conseguentemente quello dei pazienti trapiantati, aumenti ulteriormente.

 

Ebbene, nel 2006 la Campagna nazionale a favore della donazione e del trapianto è destinata in particolare agli studenti delle scuole medie superiori. Per il livello delle loro conoscenze e per la curiosità verso le frontiere più avanzate della scienza, I giovani studenti sembrano le persone più adatte a discutere interventi che, come I trapianti, sono tra I più avanzati e complessi della medicina contemporanea. Non è senza importanza, del resto, che a livello internazionale I risultati registrati in questo settore siano giudicati indicativi per l’efficienza dell’intero sistema-salute raggiunto dai Paesi più avanzati.

 

Non va dimenticato inoltre come I trapianti non dipendono soltanto dalla qualificazione e dall’esperienza professionale delle équipes   medico-chirurgiche da cui vengono eseguiti ma, in primo luogo, dalla cultura della solidarietà e della sua diffusione nella popolazione.

Per ogni procedura di questo tipo, il gesto volontario e gratuito della donazione rappresenta infatti il punto di partenza e la premessa necessaria. Anche su questo piano, gli studenti delle scuole medie superiori rappresentano un terreno ideale di ascolto e partecipazione, il più adatto a capire le ragioni di una medicina che ha le sue radici non soltanto nella ricerca di una instancabile innovazione terapeutica ma nel patto sociale che sta alla base di ogni convivenza e nel dovere civico dell’aiuto reciproco.

 

La partecipazione alla Campagna Nazionale di comunicazione sulla donazione e sul trapianto di organi rappresenta una occasione educativa  da non perdere.

 

Materiale e metodi della campagna.

 

Il materiale della Campagna per la donazione e il trapianto di organi rivolta agli studenti è costituito da due opuscoli di 16 pagine ognuno che contengono domande e risposte, dati e grafici che illustrano il problema. Redatti con la consulenza del Centro Nazionale Trapianti, i due opuscoli  adottano un linguaggio preciso e comprensibile.

 

Diffusione . Per evitare possibili dispersioni, gli opuscoli verranno distribuiti a cominciare dalle classi in cui uno  più insegnanti si dichiarano disponibili a discuterne o a presentarne il testo.

Prima di tutto, dunque, chiediamo ai Dirigenti scolastici di Istituto, ai docenti responsabili dell’educazione alla salute e ai Direttori dei Centri di formazione professionale che facciano conoscere ai colleghi il materiale della campagna e  che raccolgano le adesioni di coloro che intendono divulgarlo nelle loro classi.

 

Il supporto dell’Associazione . L’Associazione si è assunta il compito di promuovere la campagna nelle scuole della Sardegna e provvederà a far recapitare nelle singole scuole gli opuscoli richiesti.

Se richieste e nella misura del possibile, forniranno anche esperti (medici o volontari che conoscono il problema) in grado di affiancare gli insegnanti nel lavoro di spiegazione.

 

 

Il PRESIDENTE

(Giampiero Maccioni)

 

 

 

SPORT PER LA VITA”

 

 

 

 

 

Programma iniziative proposte con la collaborazione delle scuole, delle ASL

e degli enti locali territoriali della Sardegna.

 

Love for Liver f or Live

 
                                                                                                 ASSOCIAZIONE SARDA TRAPIANTI

                                                                                             “Alessandro Ricchi”

                                               

 

IX edizione Giornate Nazionali Donazione e Trapianto

6 - 16  maggio 2006

 

CARBONIA -IGLESIAS

 

·          IGLESIAS (Sabato 6) Impianto polifunzionale località Ceramica

SPORT PER LA VITA”

In collaborazione con il comitato regionale della FIDAL e la Polisportiva IOLAO :

Manifestazione regionale di staffetta su pista riservata agli alunni delle Scuole

agli atleti delle Società affiliate alla Federazione di Atletica Leggera

agli atleti del Comitato Italiano Paralimpico (disabili)

Testimonial NICOLA TRENTIN olimpionico e campione italiano salto in lungo

 

·          IGLESIAS (Sabato 13)

 

Ø        Celebrazione S.Messa in sufragio dei donatori.

      Chiesa Monumentale S.Francesco ore 19.30

Ø        Ore 20,30  Piazza Municipio: Spettacolo musicale

     BALLANDO E CANTANDO PER LA VITA”

      a cura del Centro Giovanile S.Barbara e testimonianze pazienti

Ø        Incontri informativi nelle scuole superiori

Ø        Radio Iglesias e Arcobaleno: Tavola rotonda sanitari-pazienti

 

·          CARBONIA

              Tavola rotonda sanitari-pazienti – TV locali

OGLIASTRA

TORTOLI’   Lunedì 8 maggio 2006  ore  9 e ore 1130 AULA MAGNA dell’ I.T.I. di Tortolì

Incontro con gli studenti delle scuole medie superiori

 

giovedì 11 maggio 2006  ore 11  RADIO STELLA 102 – 104 MHZ

Incontro Dibattito con gli esperti su :

-           Morte cerebrale, prelievo e donazione di organi

 

  TORTOLI’ sabato 13 maggio 2006 ore 9 piazza Rinascita Tortoli

·           ciclopedalata perle strade cittadine con i bambini delle scuole elementari

·           allestimento di stand per la distribuzione di materiale informativo

SASSARI :

Lunedì 8 Maggio ore 10,00 : Tavola Rotonda Aula Magna Università di Sassari

su Ricerca, Prevenzione, Cura e Trapianto con la presenza di illustri esperti italiani e stranieri

Martedì 16 Maggio ore 20.00 :Conferenza stampa e concerto musicale Orchestra Filarmonica di Sassari .

 

CAGLIARI :

Domenica 21 Maggio ore 9-14

“Arte per la vita”

A cura del Caffè dell’arte”

con pittori e scultori in Piazza del Carmine

 

NUORO :

Incontri scuole superiori

 

ORISTANO :

Incontri scuole superiori

 

Per informazioni tel/fax 0781.30067 – cell.347.6106054(Giampiero Maccioni) – 339.6171217 (Giusi Lorenzoni)

 

 

 

 

 

25 gennaio

TESSERA SANITARIA

Lettera Assessore alla Sanità

 

Gentile Assessore,

a nome di tutti i pazienti e dei soci dell'associazione nel congratularmi per la realizzazione di questo prezioso strumento della tessera sanitaria, pongo alla Sua cortese attenzione la possibilità che con la tessera si possa inserire la dichiarazione di volontà per la donazione degli organi.

 

Colgo l'occasione per ricordare che nel 2005 la Sardegna subisce un leggero calo delle donazioni(18,8), discostandosi dal primato raggiunto nel 2004, pari a 22,7 donatori per milione di abitanti che aveva superato la media nazionale ( circa 21donatori).

Ciò è dovuto principalmente all’aumento delle opposizioni registrato sui possibili prelievi di organi, con un incremento pari al 15,71% (35,71nel 2005 contro i 20,00del 2004).

Regione

SARDEGNA

Donatori segnalati

Donatori effettivi

Donatori utilizzati

Donatori multiorgano

Opposizioni

Num .

Num .

Num .

Num .

%

Num .

%

2005

56

33

30

26

86.67

20

35.71

2004

50

37

36

33

91.67

10

20.00

Ripartendo dall’esperienza positiva delle trasmissioni televisive della fine del 2004. che ha visto la mobilitazione di insegnanti, studenti ed associazioni di volontariato e vista la situazione di calo delle donazioni siamo a proporre nuove forme di informazione e partecipazione per motivarci e permetterci di essere ancor più presenti laddove si creano le premesse per il radicamento della cultura della donazione e del trapianto, accompagnata e sorretta dalla riscoperta del valore rappresentato dalla corretta e produttiva relazione”medico-paziente”, che inizia e si consolida presso le principali agenzie educative, rappresentate in particolare dalla scuola.

Dal 7 al 14 Maggio (data da confermare) poi si svolgerà la consueta settimana dedicata alla donazione e trapianto degli organi.

Sarebbe interessante lanciare queste iniziative con la trasmissione televisiva su Sardegna 1 di cui  all'impegno preso sin dall'estate scorsa ed ancora non realizzato.

  Mentre resto a disposizione per ogni e qualsiasi collaborazione e porgo

  i più sinceri e cordiali saluti

                                                                       Giampiero Maccioni

 

 

               27 gennaio

Scuole della Sardegna

Iniziative Campagna promozionale

Donazione e Trapianto

                     

                                          Dott.Armando Pietrella

                                                                         Dott.ssa Giuseppina Asproni

                                                                         Dott.ssa Alberta Dettori

                                                                         Direzione Regionale
                                                                                  Ministero Pubblica Istruzione

 

Ripartendo dall’esperienza positiva delle trasmissioni televisive della fine del 2004. che ha visto la mobilitazione di insegnanti, studenti ed associazioni di volontariato e vista la situazione di calo delle donazioni siamo a proporre nuove forme di informazione e partecipazione per motivarci e permetterci di essere ancor più presenti laddove si creano le premesse per il radicamento della cultura della donazione e del trapianto, accompagnata e sorretta dalla riscoperta del valore rappresentato dalla corretta e produttiva relazione”medico-paziente”, che inizia e si consolida presso le principali agenzie educative, rappresentate in particolare dalla scuola.

Dal 7 al 14 Maggio (da confermare) si svolgerà la consueta settimana dedicata alla donazione e trapianto degli organi.

In collaborazione con le più importanti Associazioni di pazienti e di cittadini interessate al problema, il Ministero della Salute ha richiamato spesso l’attenzione dell’opinione pubblica al problema delle donazioni e dei trapianti di organo.

Ebbene, nel 2006 la Campagna nazionale a favore della donazione e del trapianto è destinata in particolare agli studenti delle scuole medie superiori.

Ricordiamo a questo proposito che dopo i 18 anni di età a tutti i cittadini italiani viene riconosciuto il diritto di esprimere validamente la ‘dichiarazione di volontà’, una decisione personale che ha come oggetto la volontà di donare – o, alternativamente, di non donare – gli organi dopo la morte.

La partecipazione alla Campagna Nazionale di comunicazione sulla donazione e sul trapianto di organi rappresenta perciò una occasione educativa  da non perdere.

Siamo certi che la sensibilità già dimostrata nel passato permetteranno di promuovere ed avviare negli istituti medi superiori della Sardegna, nei modi che riterrete più opportuni, una proficua attività di informazione e di discussione.

Restiamo in attesa di un cortese cenno di riscontro e restiamo a disposizione per ogni e qualsiasi chiarimento e collaborazione.

Cordiali saluti.

 

Giampiero Maccioni

Presidente Associazione Sarda Trapianti

Membro del Consiglio Direttivo Nazionale della Federazione LIVER POOL

 

P.S. Alleghiamo una bozza di lettera circolare per la sensibilizzazioni dei responsabili delle quattro province e il file del primo opuscolo nazionale rivolto a tutti i cittadini che verrà distribuito dalle associazioni durante la settimana di maggio p.v

 

 

 


C O M U N I C A T O  S T A M P A

 

SASSARI

Febbraio 2006

Nasce l’associazione

“LOVE FOR  LIVER  FOR  LIFE”

amore per il fegato…amore per la vita

RICERCA

Prevenzione, cura, trapianto.

Via Piave,2 – Sassari

Tel.Fax 079.292908

 

“Uniti si vince”… forza paris”, hanno gridato con forza

Ica Cherchi e Giampiero Maccioni rispettivamente trapiantati di fegato e di cuore:

a questo appello si uniscono i pazienti di tutta la Sardegna ed i soci e simpatizzanti della neonata associazione e della consolidata presenza dell’ Associazione Sarda Trapianti Vita Nuova “Alessandro Ricchi”.

 

La nuova associazione nasce dalla sinergica volontà operativa e istituzionale delle due associazioni che intendono operare insieme per favorire, sensibilizzare e divulgare la conoscenza e l'attenzione per le malattie con forme virali e in particolare del fegato, giacchè nell'isola un'alta percentuale di persone è colpita da varie forme di epatite.

 

“Siamo una famiglia di trapiantati e di familiari che sostiene chi attende e vive nella speranza di un doloroso e gioioso evento capace di cambiare la propria esistenza”

 

Per un aiuto concreto ai numerosi e gravi bisogni offriamo la nostra disponibilità concreta anche tramite gli Sportelli di accoglienza e consulenza, con l’aiuto di specialisti nell’ambito della donazione e trapianto di organi e tessuti.

 

Sulla base dell’esperienza e della preparazione di molti soci di ambo le associazioni ed in particolare del Centro Studi Musica Sarda,  verrà costituito un Complesso vocale e/o strumentale costituito in particolare da pazienti trapiantati e non , favorendo la nascita di questo prezioso strumento artistico radicato nel popolo sardo.

 

                   Ica Cherchi                                           Giampiero Maccioni

 

     

 

IX edizione Giornate Nazionali

Donazione e Trapianto di organi

7 - 14  maggio 2006

 

  Il Ministro della Salute, su indicazione del CNT e delle associazioni nazionali (AIDO, ACTI, AITF, ANED, ASS.I.R.T., Associazione Marta Russo,FORUM, LIVER POOL) ha ha indetto la IX edizione delle "Giornate per la donazione di organi" individuando tale data nel periodo 7 / 14 maggio p.v..

 

Domenica 7 maggio, come per le passate edizioni, si aprirà l’ottava edizione delle Giornate Nazionali 'Donazione e Trapianto di organi',

 

Le Giornate Nazionali si svolgono sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica.

 

In tutta Italia si svolgeranno manifestazioni ed eventi scientifici, culturali, sportivi, ricreativi e di spettacolo per coinvolgere la popolazione e campagne di sensibilizzazione: nelle piazze saranno allestiti gazebo dove trapiantati, associazioni, medici e volontari saranno a disposizione per chiarire dubbi, distribuire materiale informativo, sollecitare ad esprimere la propria volontà positiva al prelievo degli organi.

E' attivo un numero verde 800 33 30 33 cui chiedere informazioni.

Per notizie sulla edizione 2005 http://www.daivaloreallavita.it/italia_regioni.html

 

La nostra Associazione , ha già previsto quest’anno l’organizzazione di attività promozionali nelle Città di Iglesias, Carbonia, Lanusei, Sassari, Cagliari, Nuoro e Oristano. 

 

Abbiamo ritenuto, come nella recente esperienza televisiva, coinvolgere in particolare le scuole medie superiori e la popolazione del territorio realizzando le attività con la collaborazione delle istituzioni scolastiche del territorio da sempre attive nei progetti di educazione alla salute.

 

Restiamo  a disposizione per programmare insieme tutte le eventuali iniziative promosse dalle istituzioni e/o da associazioni di volontariato della Sardegna .

 

IL PRESIDENTE

(Giampiero Maccioni)

 

 

24 Febbraio 2006

 

 

 

 

 

 

 

A perenne ricordo del Dott. Alessandro Ricchi

 mio secondo Padre”

ispiratore e Socio Fondatore dell’Associazione Sarda Trapianti

 

Due anni sono trascorsi da quella terribile e nefasta mattina del 24 Febbraio del 2004 quando alle otto mi raggiunse la voce amica di Giorgio Cocco, pedagogista all’Ospedale Brotzu,: <<Giampiero l’aereo che riportava il Dott.Ricchi e i suoi collaboratori è scomparso dal radar……temo che si tratti di una sciagura….ma….. speriamo non sia così….>>.

I fremiti della commozione invasero tutto il mio corpo e le labbra restarono immobili anche nel rispondere alla notizia. Dopo un lungo silenzio riuscii a balbettare…..no, no, no, non è possibile!

Mi rinchiusi nel mio studio e dopo un lungo silenzio trovai la forza di pregare il Padre eterno perché fosse fatta la Sua Volontà.

Dopo mi precipitai nella rete internet alla ricerca delle notizie delle agenzie di stampa.

Purtroppo le speranze ben presto terminarono quando l’agenzia ANSA annunciava la tragedia:

Cagliari: aereo, trovati i resti Tutti i passeggeri sarebbero morti, a bordo equipe medica

In questi giorni, precedenti la commemorazione dell’anniversario della morte, ripercorro con trepidazione, mista al dolore, la scomparsa del mio cardiochirurgo e dei suoi collaboratori(Carta e Pinna), andando col pensiero al tempo passato: dal primo giorno che lo incontrai nel suo ufficio, al quarto piano, in jeans e maglietta rossa, fino all’ultimo incontro al Brotzu assieme al Dr. Martelli, un mese prima della sua scomparsa.

La Sua immagine, così come la descrissi di getto nella lettera di ringraziamento, subito dopo il trapianto, resta quella più rappresentativa del suo essere come uomo e come professionista, che ringrazio ancora oggi: <<…. grazie, senza limiti Dott. Ricchi, alla Sua stimata persona, al Suo sorriso contenuto ma profondamente umano, al Suo parlare chiaro e conciso, al suo porgere familiare pronto, in ogni momento, a dare chiarimenti, conforto e serenità, ai dubbi ed agli affanni miei e dei familiari>>

 

Giampiero Maccioni